Marketing e pubblicità

Parti della penna: Anatomia della penna a sfera, a scatto e stilografica

Vi siete mai chiesti come funzionano le penne? Sì, ma senza approfondire troppo? Scopri qui tante curiosità! 

Ci sono diversi motivi per cui la tua curiosità potrebbe averti portato a ricercare informazioni sulle parti interne ed esterne di una penna. Eccone alcune: 

  • Stai aspettando che il tuo cellulare si ricarichi e hai per caso una penna tra le mani. 
  • Stai girando e rigirando tra le mani una penna mentre ascolti una conferenza noiosa durante una fiera. 
  • Sei tra quelle persone che continuano a cliccare insistentemente il meccanismo a scatto di una penna e vorresti capire come è fatta una biro.  
  • Sfortunatamente sei seduto accanto alla persona che continua a cliccare sulla penna e stai cercando il modo per distruggere il meccanismo a scatto prima che la misofonia prenda il sopravvento. 
  • Sei alla ricerca di una penna promozionale da acquistare per promuovere la tua azienda e hai trovato questo articolo per caso. 

In queste ed in molte altre occasioni si può essere incuriositi dalle penne.  

Siamo sicuri che se ci dilungassimo troppo con il nostro corso sull’anatomia e funzionamento delle penne ti distrarresti con un video su YouTube o preferiresti fare le parole crociate… quindi andremo dritti al sodo e ti offriremo tanti interessanti spunti per comprendere il meccanismo delle penne e individuare facilmente le penne pubblicitarie più adatte per promuovere la tua azienda

Parti di una penna a sfera con meccanismo a scatto  

Punta: La punta di una penna è spesso dotata di un copripunta che solitamente ha una forma conica ed è realizzato in metallo o plastica. Il copripunta ha la funzione di sostenere la cartuccia di inchiostro, quando la punta viene estesa per scrivere.   

Cartuccia di inchiostro o scomparto per la cartuccia: Sia che si tratti di una penna a sfera, gel, roller, usa e getta o ricaricabile, l’inchiostro viene collocato in una cartuccia. Quando la cartuccia viene spinta verso la punta, si potrà scrivere. 

Molla: La molla permette di ritrarre la cartuccia ed estrarla nuovamente per scrivere.  

Fusto o corpo della penna: Il fusto della penna, spesso chiamato corpo, canna o base contiene le componenti interne della penna stessa. Il gommino touchscreen e la punta sono posti alle estremità del fusto e non fanno parte del corpo centrale della penna, sono come delle estensioni. 

Meccanismo a scatto: Questa è una meraviglia dell’ingegneria meccanica che permette di estendere e ritrarre la cartuccia di inchiostro. Questo strumento controlla se la cartuccia è estesa o ritratta e tutto con un semplice clic. Di seguito troverai maggiori dettagli. 

Il funzionamento e la meccanica di una penna a sfera con meccanismo a scatto 

Leggere questo tipo di articoli è un ottimo esercizio per migliorare la velocità di lettura ed ottimizzare la pausa pranzo. Approfittane per imparare di più su come funziona una penna a sfera. 

Tutte le penne sono dotate di una molla che permette di ritrarre ed estendere la cartuccia ad ogni utilizzo. Il meccanismo a scatto è quello che attiva la molla ed è spesso definito tasto o pulsante perché basta un clic per innescarlo. Il tasto è collocato sopra la cartuccia ed ha delle piccole scanalature e delle sporgenze che spingono la cartuccia nelle diverse posizioni ogni volta che viene cliccato. 

Ciascun clic permette di eseguire due funzioni: Da un lato spinge il tasto contro la forza della molla, attraverso la scanalatura in cui è posizionata la cartuccia di inchiostro che risulta completamente estesa ma non bloccata. Dall’altro ruota il tasto in una delle due scanalature permettendo alla molla di forzare la cartuccia e risalire lungo il fusto, finché non risulterà completamente bloccata in posizione retratta oppure completamente estesa in posizione di scrittura.  

Hai ancora dubbi o curiosità? Proviamo a dividere la penna in fasi, in base al numero di clic:  

  1. Primo clic: La molla posta all’interno del fusto mantiene la cartuccia e la punta in posizione retratta. Il primo clic attiva il meccanismo a scatto, facendolo ruotare verso la prima scanalatura, quella più alta. Questa sporgenza spinge la cartuccia contro la molla fino ad estendere la punta fuori dalla canna. Questo non basta per iniziare a scrivere, si tratta di una fase di preparazione per il prossimo clic. 
  1. Secondo clic: Il secondo clic è quello che sentiamo ed è quello che spinge il meccanismo a scatto verso la seconda scanalatura. In questa posizione la cartuccia viene rilasciata di nuovo nel fusto fino a raggiungere la posizione in cui la punta esce fuori dal fusto, pronta per scrivere. Il suono del clic che udiamo è dovuto al contatto tra la cartuccia ed il meccanismo a scatto, in corrispondenza della scanalatura che ferma la punta della penna a sfera in posizione estesa, nel punto esatto in cui deve essere, per permetterci di scrivere.  

Hai preso appunti? Vediamo ora a cosa servono il terzo ed il quarto clic:  

  1. Terzo clic: Questo clic permette di ruotare il meccanismo a scatto di nuovo verso la scanalatura più alta. La cartuccia viene spinta verso l’esterno, nel suo punto più lontano, pronta per essere retratta. 
  1. Quarto clic: Il quarto clic ruota il meccanismo a scatto verso la scanalatura più bassa, in modo da permettere alla molla di spingere la cartuccia verso l’interno del fusto. Questo ultimo clic è il più rumoroso ed è quello che permette di ritrarre completamente la punta. 

In cosa consiste l’intero processo? Potremmo definirlo una sequenza di clic che richiede l’intervento manuale di un utente. Si tratta di un esercizio di energia cinetica e potenziale. Chi potrebbe biasimare le persone che continuano a cliccare in modo insistente su una penna? Sicuramente chi soffre di misofonia, ma anche chiunque abbia necessità di concentrarsi, ad esempio per un esame. O chi sta provando a scrivere questo articolo per esempio…  

Se hai letto fino a qui, potresti desiderare di lavorare con noi e dedicarti alle penne, continuando ad approfondire. Ti lasciamo alla visione di un video davvero interessante: “Penna a sfera – i segreti della lavorazione.” (Grazie Mobilpro!) Dopo aver visto il video ed aver imparato tante curiosità sulle penne, non dovrai far altro che scegliere le nostre penne promozionali bestseller e personalizzarle con il tuo nome. Ecco alcuni dei nostri modelli preferiti:  

Penna Alpha Caucciù e Gommino Touchscreen 

Scopri la nostra ampia selezione di penne personalizzabili con meccanismo a scatto. Dai uno sguardo alla nostra Collezione di Penne Bestseller Alpha

Come funziona una penna a sfera 

Un penna a sfera funziona come una confezione di deodorante roll on. Il meccanismo risulta più chiaro guardando le foto qui sotto (grazie, Blogalileo!): 

Pensa all’inchiostro come fosse il deodorante. La punta metallica della penna è come la pallina rotante di plastica del deodorante roll on. Immagina ora che la carta è come la tua pelle. Esattamente come la parte superiore del roll on del deodorante può asciugarsi tra un uso e l’altro, anche la punta della penna può asciugarsi, ma l’inchiostro al suo interno rimarrà umido. Una volta che la punta tocca la carta la sfera si riempie d’inchiostro, cosi come il roll on del deodorante si riempie di deodorante a contatto con la pelle. Ora non dovrai far altro che iniziare a scrivere! 

Come funziona una biro 

Ci sono poi delle penne che funzionano esattamente come le penne a sfera ma che non hanno una cartuccia retrattile. In questo caso non è necessario che vi sia un meccanismo a scatto per estendere e ritrarre la cartuccia ma basterà un semplice tappo, come per le comuni penne BIC®. Si tratta delle penne a sfera più utilizzate e più popolari, ecco di seguito alcuni esempi: 

Penna a sfera BIC® Round Stic® Logo a Colori 

Penna Gel Cozy Rivestimento Caucciù 

Come funziona una penna stilografica  

A differenza della penna a sfera, in cui il flusso di inchiostro viene controllato dalla sfera metallica, le penne stilografiche utilizzano una serie di canali e cartucce interne che permettono il flusso dell’inchiostro dalla cartuccia alla carta. Bisogna pensare alla penna a sfera come ad un sistema idrico in cui il serbatoio dell’inchiostro alimenta diversi fiumi, torrenti e ruscelli che sfociano con l’inchiostro su carta. La regolazione dell’inchiostro è un concetto chiave per questa tipologia di penne. La gestione controllata dell’inchiostro è il principio su cui si basa l’ideazione della penna stilografica. 

Le penne stilografiche sono il regalo perfetto per chi ama scrivere lettere, per gli amanti della calligrafia e per chi è appassionato di attività anacronistiche. Le penne stilografiche non sono affatto economiche, per questo consigliamo di distribuirle in modo mirato, ad esempio a clienti fedeli e partner commerciali, ma non in gran numero durante una fiera. Ecco un modello che vorremmo consigliarti, tendendo conto del suo costo contenuto e della sua ottima reputazione in termini di qualità e performance.  

Penna stilografica Graduate 

Se desideri approfondire le tue conoscenze sulle penne stilografiche e le penne in generale, Stampa e dintorni non ti deluderà. 

Retrattile, a scatto e con tappo, ad ogni penna il suo stile 

In questo articolo abbiamo cercato di offrirti tantissime informazioni, speriamo anche di aver solleticato la tua curiosità e di non averti annoiato. Ti ringraziamo per aver letto fino a questo punto il nostro articolo e speriamo di essere stati chiari e di aver fornito spunti interessanti.  

Ci piacerebbe ora invitarti a personalizzare le tue penne promozionali e scoprire il loro grande potenziale nel promuovere il tuo marchio. 

Share

Articoli recenti

Target audience: Come identificare i potenziali clienti e creare delle campagne marketing mirate

Stai cercando un modo per ridurre il budget dedicato alle campagne marketing?  Non riesci a…

6 giorni fa

Scopri i diversi tipi di matite che utilizzano i tuoi clienti

Tante aziende scelgono le matite come gadget promozionali in quanto utili e di utilizzo quotidiano.…

2 settimane fa

Le migliori penne per scrivere e disegnare nel 2022

Se sei alla ricerca di penne pubblicitarie da personalizzare con il tuo logo o una…

3 settimane fa

Guida sulla grammatura dei tessuti: come riconoscere un cotone di qualità

Borse tote promozionali, grammatura dei tessuti, densità e peso al metro quadro del cotone: scopri…

4 settimane fa

Borracce e Bottiglie personalizzate: Come scegliere le migliori per la mia pubblicità aziendale?

Sei alla ricerca di gadget pubblicitari utili ma allo stesso tempo convenienti? Le bottiglie e…

1 mese fa

Prodotti Promozionali e la Psicologia dei Colori nel Marketing

La psicologia del colore gioca un ruolo davvero importante nella pubblicità e per questo motivo…

2 mesi fa

Utilizziamo i cookie per fornirti la migliore esperienza possibile.

Scopri di più